informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Scrivere un saggio breve: i consigli per farlo al meglio

Commenti disabilitati su Scrivere un saggio breve: i consigli per farlo al meglio Studiare a Bolzano

Scrivere un saggio breve è tutt’altro che semplice.

In generale scrivere un testo non è mai un processo così immediato come potrebbe sembrare; richiede tempo, impegno e attenzione.
A tutto ciò bisogna aggiungere che la redazione di un elaborato non si limita alla mera fase di scrittura ma è corredata da una serie di altre operazioni da svolgere:la consultazione delle fonti, l’estrapolazione dei concetti salienti, la scelta dei punti da trattare, l’impostazione della scaletta, la definizione dello stile, l’analisi del destinatario/lettore, la correzione e la revisione finali.

Il saggio breve, che rientra attualmente tra le tracce dell’esame di maturità, è la tipologia di testo che andremo ad analizzare in questa sede.

Il blog dell’Università Telematica Unicusano di Bolzano ha raccolto in questo post dritte, regole e suggerimenti per realizzare un lavoro perfetto; ti indicheremo le linee guida da seguire e, nel dettaglio, cosa scrivere e cosa non scrivere in un saggio breve.

Cos’è

Alla domanda cos’è un saggio breve rispondiamo così:

“è un testo scritto, meno lungo di un normale saggio, sviluppato per sostenere una tesi e per esprimere la propria opinione in merito all’argomento in oggetto”

Questo in sintesi, ma approfondiamo e cerchiamo di capire meglio di cosa stiamo parlando.

Per scrivere un saggio breve si parte dalla consultazione di una serie di documentazioni, dall’approfondimento delle quali lo ‘scrittore’ deve sviluppare una traccia.
Il lavoro consiste essenzialmente nel sintetizzare le informazioni contenute all’interno dei documenti consultati e nell’approfondire le personali riflessioni.
Chiaramente la parte dell’approfondimento è quella più complessa in quanto: deve essere in grado di sostenere una tesi facendo emergere la propria opinione attraverso argomentazioni, motivazioni e riflessioni, logiche e coerenti.

Il segreto per realizzare un saggio breve perfetto è insito nella giusta combinazione delle informazioni/documentazioni consultate e delle personali conoscenze, riflessioni e opinioni su una determinata tematica.

Tipologie

Generalmente quando si parla di esame di maturità gli ambiti a cui possono afferire le tracce relative ai saggi brevi possono essere di varia natura:

  • saggio breve artistico-letterario
  • saggio breve storico-politico
  • saggio breve socio-economico
  • saggio breve tecnico-scientifico

Come si scrive

Con questo paragrafo entriamo nel cuore dell’argomento: come si fa un saggio breve.

Per rendere più chiari i passaggi abbiamo suddiviso le varie fasi di lavorazioni in 5 step, di seguito analizzati e approfonditi.

1° step

Prima di iniziare ad impostare e scrivere è necessario individuare l’argomento centrale dell’elaborato.

E’ quindi fondamentale partire da una lettura attenta del materiale a disposizione, durante la quale ti consigliamo di estrapolare, e magari appuntare su un foglio, i punti salienti che ritieni opportuno inserire nel testo.

Attraverso questo primo passaggio avrai ben chiaro l’obiettivo del saggio e ti risulterà più facile organizzare intorno ad esso informazioni e riflessioni.

2° step

E’ importantissimo ai fini di un lavoro rispondente alla richiesta individuare i destinatari.

Sulla base dell’analisi del target a cui si rivolge il saggio bisogna utilizzare un adeguato stile di scrittura.

A seconda del destinatario dovrai decidere se adottare un registro linguistico formale/informativo oppure informale/colloquiale.

3° step

Per agevolare la fase di scrittura è consigliabile partire dall’impostazione di uno schema che definisca la struttura del saggio breve e nel contempo indichi i punti da trattare.

Organizzare e ordinare le idee è un passaggio fondamentale per non perdere il filo del discorso e per non dilungarsi  in inutili divagazioni.

Puoi scegliere, a seconda delle tue esigenze e preferenze, se optare per il classico schema ad albero o se procedere con la stesura di una mappa concettuale.
Entrambe le soluzioni, partendo dalla tesi centrale, svolgono egregiamente la funzione di organizzazione e definizione dei concetti da approfondire.

introduzione saggio breve

4° step

Una volta individuata la tesi centrale, profilati i destinatari, impostata la scaletta e fissati i punti da approfondire puoi finalmente iniziare a lavorare sulla stesura del testo.

Una delle parti più importanti del saggio breve è l’introduzione.
Ad essa dovrai prestare particolare attenzione in quanto la sua finalità è quella di catturare l’attenzione del lettore.
Il nostro consiglio è di non rivelare fin da subito la tesi che intendi sostenere nel testo per cui sarebbe preferibile iniziare con una frase ad effetto che stuzzichi la curiosità.

In alternativa, se non hai troppa fantasia, puoi optare per una citazione famosa che introduca l’argomento.

Anche il titolo gioca un ruolo primario.

Deve colpire, incuriosire, introdurre e sintetizzare l’argomento; allo stesso tempo però deve essere chiaro e conciso.

A differenza di quello che in molti pensano è preferibile scriverlo alla fine della redazione dell’elaborato, quando si ha una panoramica completa dell’argomento e quindi anche le idee più chiare su come impostare un titolo ad effetto.

Passiamo al corpo centrale del testo.

Si tratta essenzialmente di realizzare un contenuto di tipo argomentativo e critico, nel quale analizzare e spigare la tesi sostenuta in maniera chiara.

5° step

Il quinto e ultimo passaggio riguarda la rilettura e la correzione di eventuali errori ortografici e grammaticali.

Per ottimizzare al massimo l’attività in oggetto è consigliabile evitare il controllo subito dopo aver concluso la stesura del testo; l’ideale è riposarsi, distrarsi e staccare la spina per qualche minuto prima di procedere con la fase di revisione.

Consigli utili

Dopo averti fornito le linee guida per scrivere un saggio breve ti indicheremo qualche piccola dritta per renderlo perfetto.

Il primo suggerimento è di propendere per un rigore argomentativo in grado di impressionare il lettore attraverso argomentazioni ben organizzate, sintetizzate ed esposte.
Per chiarire ulteriormente alcuni concetti ti consigliamo di avvalerti degli esempi, purché espressi anch’essi in maniera sintetica.

Il secondo suggerimento è di avvalorare la tesi sostenuta: cerca di non utilizzare espressioni che includano frasi del tipo ‘io penso’ ma prova piuttosto a creare collegamenti con opere e testi conosciuti.

L’ultimo consiglio riguarda la lunghezza del saggio breve: l’ideale è mantenersi entro le 4 colonne del foglio di protocollo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali