informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Prodotto interno lordo: che cos’è e perché è utile

Commenti disabilitati su Prodotto interno lordo: che cos’è e perché è utile Studiare a Bolzano

Tra gli argomenti di grande attualità, al centro di dibattiti, commenti, analisi e critiche, spopola la questione relativa al Prodotto Interno Lordo, identificato dall’acronimo PIL.

Si tratta di una tematica affascinante, ma allo stesso tempo delicata e complessa, che ruota intorno all’andamento dell’indice rivelatore, in parte, della situazione economica del Paese.

Per quanto se ne parli quotidianamente, in tv e sui giornali, non tutti sanno esattamente cos’è il PIL e perché è così importante.

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza …

Cos’è il PIL

Prima di entrare nel dettaglio del Prodotto Interno Lordo cerchiamo di capire cos’è partendo dalla definizione di PIL fornita da Wikipedia:

“in macroeconomia il PIL (o Prodotto Interno Lordo) misura il valore di mercato aggregato di tutte le merci finite e di tutti i servizi prodotti nei confini di una nazione in un dato periodo di tempo”

La definizione prosegue con l’analisi dei tre termini che compongono l’acronimo PIL.

Il termine ‘prodotto’ si riferisce ai beni e ai servizi che hanno una valorizzazione in un processo di scambio.
Il termine ‘interno’ indica le attività economiche svolte all’interno del Paese.
Il termine ‘lordo’ indica il valore della produzione al lordo degli ammortamenti.

In altre parole il Prodotto Interno Lordo è dato dal valore complessivo dei beni e dei servizi prodotti in un paese, in un dato periodo di tempo, solitamente un anno.
Il PIL viene espresso in valuta e indica la capacità produttiva dell’intero sistema paese.

Tiene conto della produzione di beni e servizi, realizzati da parte di soggetti residenti e non, destinati al consumo da parte dell’acquirente finale, alle esportazioni nette oppure agli investimenti pubblici e privati.

Calcolo del PIL: le attività incluse

Nel calcolo del PIL rientrano soltanto i beni finali ossia quelli acquistati dai consumatori per essere utilizzati.

Sono inclusi nel Prodotto Interno Lordo anche i beni e i servizi prodotti da operatori stranieri all’interno del Paese.

Stimate e incluse nel calcolo anche le attività produttive ‘in nero’ appartenenti alla cosiddetta ‘economia sommersa’.

Concorrono a formare il PIL anche i servizi pubblici (il cui conteggio avviene sul valore degli stipendi dei dipendenti).

 Calcolo del PIL: le attività escluse

Non rientrano nel calcolo del Prodotto Interno Lordo i prodotti destinati ai consumi intermedi per la creazione di nuovi beni e servizi.

Allo stesso modo sono esclusi dal conteggio i prodotti realizzati da imprese e lavoratori italiani operanti all’estero, le prestazioni a titolo gratuito e i beni destinati all’autoconsumo.

Può sembrare banale sottolinearlo ma nel PIL non rientrano le attività illegali, proibite dalla legge, quali ad esempio il traffico di droga, la prostituzione, i furti e le rapine.

A cosa serve l’indice PIL

Il PIL è un indicatore che rivela la ricchezza complessiva di un paese; più in particolare l’indice del Prodotto Interno Lordo indica l’andamento annuale della produzione della ricchezza, che può chiaramente crescere o decrescere rispetto agli anni precedenti.

In Italia l’indice è costantemente monitorato dall’ISTAT che ha il compito di controllare l’andamento dei flussi economici del nostro Paese.
Nelle statistiche rientrano anche il PNL – Prodotto Nazionale Lordo (tutto ciò che è stato prodotto dalle aziende italiane, sia nell’ambito dei confini nazionali che all’estero) e il PNN – Prodotto Nazionale Netto (valore che indica il PNL al netto dell’ammortamento, ossia dei beni consumati nei processi produttivi).

Altro indicatore utile per capire il livello di benessere della popolazioni è il PIL pro-capite il cui valore si ottiene dividendo il PIL per il numero di abitanti.

Il PIL è inoltre  un parametro utilizzato nei rapporti che disciplinano l’appartenenza all’Unione Europea.

pil definizione

Corso di Laurea in Economia

La materia economica è tanto affascinante quanto ampia e complessa.

Per i giovani che desiderano iscriversi a un percorso universitario ad indirizzo economico, per operare nei vari campi dell’economia e della gestione delle imprese pubbliche e private, l’Università Telematica Niccolò Cusano ha attivato il corso di laurea triennale in Economia Aziendale e Management.

Tra le materie previste dal piano didattico anche Economia Politica nell’ambito del quale è previsto un modulo dedicato all’approfondimento del Prodotto Interno Lordo e di altre tematiche correlate e affini quali: il reddito nazionale, l’inflazione, il tasso di disoccupazione, l’equilibrio di lungo periodo, l’allocazione del reddito, i risparmi e gli investimenti.

Le competenze e le conoscenze acquisite durante il percorso di studi triennale consentono di operare nell’ambito della consulenza aziendale, nei differenti settori dell’area aziendale e dei mercati finanziari.
Tra gli sbocchi occupazionali anche il settore dei servizi finanziari e commerciali (istituti bancari, finanziari e assicurativi) come profilo preposto al supporto della clientela.
Rientra negli orizzonti occupazionali di un neo-laureato in Economia Aziendale e Management anche l’attività di rilevazione, elaborazione, gestione, monitoraggio e analisi di dati statistici, indispensabile per effettuare previsioni utili alla gestione aziendale.

Se desideri ulteriori informazioni in merito al corso di laurea non esitare a contattare il nostro staff attraverso il modulo online che trovi cliccando qui!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali