informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Documentari e film su Chernobyl: ecco quelli da vedere

Commenti disabilitati su Documentari e film su Chernobyl: ecco quelli da vedere Studiare a Bolzano

Per motivi di studio o per cultura personale stai cercando titoli di documentari e film su Chernobyl che ti consentano di approfondire la più grande catastrofe legata all’energia nucleare di tutti i tempi?

Finalmente hai trovato quello che stavi cercando, ovvero un post nel quale l’Università Telematica Niccolò Cusano di Bolzano ha raccolto i migliori titoli sulla tematica.

Nei paragrafi che seguono troverai alcune delle più famose produzioni cinematografiche e televisive che raccontano l’esplosione del reattore numero quattro della centrale nucleare ucraina e le terribili conseguenze per l’Unione Sovietica e per l’intera Europa.

Al di là dei lavoratori e dei pompieri deceduti per le conseguenze dirette dell’esplosione, le vittime del disastro sono state migliaia; tutt’oggi si ignora il numero esatto di persone decedute, successivamente, per le malattie contratte a causa delle radiazioni.

Le conseguenze del disastro si ripercuotono tutt’oggi sui territori colpiti; nelle regioni dell’Ucraina, della Russia e dei Paesi limitrofi sono aumentate in maniera esponenziale le malattie e le malformazioni genetiche.

Oltre 200 tonnellate di uranio sono ancora sepolte sotto il reattore della vecchia centrale atomica, in una zona che dista meno di cento chilometri da Kiev.

Il disastro di Chernobyl

Prima di scoprire i titoli delle pellicole che raccontano il disastro, analizzandolo da differenti prospettive e punti di vista, è d’obbligo una breve ricostruzione dei fatti che hanno caratterizzato quella che è stata definita la peggiore catastrofe nucleare della storia.

Era la notte tra il 25 e il 26 aprile del 1986; nella centrale di Chernobyl, a circa3 chilometri dalla città di Pripyat, era in corso un test per verificare il funzionamento del sistema di raffreddamento in assenza di energia elettrica.

L’aumento eccessivo del calore all’interno del reattore fu la causa che scatenò le due esplosioni catastrofiche, la prima delle quali avvenuta esattamente alle ore 01.23.

Le ipotesi che tentano di spiegare il fenomeno si basano sulla combinazione tra un errore umano e un malfunzionamento tecnico; ma per quanto siano passati decenni restano comunque soltanto ‘ipotesi’.

Il dato certo è che le nubi radioattive si diffusero fino alla Scandinavia, alla Finlandia, all’Italia, alla Francia, alla Germania e a tutta l’area dei Balcani.

Le zone limitrofe furono subito evacuate; più di 300.000 persone furono costrette ad allontanarsi dall’area del disastro.
Purtroppo però non fu possibile attivarsi concretamente per contrastare la contaminazione dei terreni che nel corso degli anni ha causato malattie alla tiroide, tumori, deformazioni e mutazioni genetiche.
Il dato più preoccupante è che la contaminazione provoca ancora oggi danni irreparabili alla salute umana.

Dopo aver ricordato per grandi linee l’eveto entriamo ora nel vivo del nostro post e scopriamo insieme quali sono i documentari e i film sul nucleare che meritano di essere visti.

Chernobyl diaries – La mutazione

Anno di produzione: 2012
Regia di Brad Parker
Con: Devin Kelley, Jonathen Sadowski, Olivia Dudley, Jesse McCartney, Nathan Phillips

Apriamo il nostro post di suggerimenti con Chernobyl diaries – La mutazione, la pellicola horror-thriller ispirata al romanzo ‘The diary of Lawson Oxford’ di Oren Peli.

La trama segue le vicende di un gruppo di turisti che durante una vacanza in Europa decide di includere nell’itinerario una gita di ‘turismo estremo’ nellla città fantasma di Prypjat.

Terminato il giro turistico il gruppo si appresta a fare ritorno a Kiev, ma un guasto al pulmino li costringe a pernottare nella cittadina disabitata.

Gli sventurati si accorgono ben presto che l’area non è completamente deserta, ma al contrario è abitata da esseri mostruosi e pericolose creature mutanti.

Chernobyl – Un grido dal mondo

Anno di produzione: 1991
Regia di Anthony Page
Con: Sammi Davis, Jason Robards, Jon Voight, Annette Crosbie

Tratto dal libro ‘Final warning: the legacy of Chernobyl’ di Robert Gale, il film ‘Chernobyl – Un grido dal mondo’ intreccia in un plot drammatico elementi quali il coraggio, il sacrificio e l’intelligenza.

Il regista ricostruisce il drammatico evento con l’intento piuttosto palese di focalizzare l’attenzione dello spettatore sulle conseguenze che esso porterà nel breve-lungo termine.

Girato sui luoghi del disastro, il docudrama segue le vicende di un chirurgo californiano, specialista in trapianti di midollo, che si reca in Ucraina per mettere la propria esperienza medica a disposizione delle popolazioni locali.

Con la collaborazione dell’industriale Armand Hemmer si reca a Mosca e, nonostante l’opposizione burocratica sovietica, si unisce alle equipes mediche russe per salvare quante più vite umane possibile.

Il complotto di Chernobyl – The Russian Woodpecker

Anno di produzione: 2016
Regia di Chad Gracia
Con: Andrei Alexandrovich, Fedor Alexandrovich, Igor Alexandrovich, Natalia Barabovskaya, Andrei Bilyk

Il genere drammatico è quello che, meglio di qualunque altro, riesce a rappresentare la realtà dei fatti che fanno riferimento all’esplosione di Chernobyl.

Tra i film sull’energia nucleare che mirano a focalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica sui rischi ad essa connessi segnaliamo ‘Il complotto di Chernobyl – The Russian Woodpecker’

Il documentario, vincitore del Gran Premio della Giuria al Sundance Film Festival, analizza la catastrofe attraverso le indagini condotte da Fedor Alexandrovic, artista ucraino che all’epoca dell’esplosione è un bambino di soli quattro anni.

Costretto ad abbandonare la propria casa, Fedor cresce tra le accuse e le discriminazioni di chi lo definisce radioattivo.

Da adulto decide avviare una serie di indagini sulle cause della catastrofe.
Studi, analisi e ricerche lo portano a scoprire la Duga, l’enorme antenna realizzata con l’intento di infiltrare propaganda sovietica nelle comunicazioni degli occidentali e, secondo Fedor, possibile concausa della scoppio del reattore.

film sul nucleare

Samosely

Anno di produzione: 2017
Regia di Fabrizio Bancale

Nell’ambito delle produzioni televisive e cinematografiche su Chernobyl rientra anche ‘Samosely’ il documentario firmato dall’italiano Fabrizio Bancale.

La produzione racconta dei Samosely, un gruppo di sopravvissuti che, nonostante i divieti governativi, continua a vivere nell’area contaminata di Chernobyl.

Il regista ha incontrato di persona i residenti illegali e ha vissuto la loro quotidianità per un’intera settimana.

Senza alcun tipo di finanziamento e con scarsissimi mezzi a disposizione per girare la pellicola, Bancale è riuscito a rendere perfettamente l’idea di quella che è la difficile condizione degli abitanti della zona di alienazione.

Gli ultimi abitanti di Chernobyl

Regia di Franco Zambon

Continuiamo il nostro elenco di produzioni televisive e cinematografiche che trattano il disastro di Chernobyl con un documentario, intitolato ‘Gli ultimi abitanti di Chernobyl’.

Il regista, Franco Zambon, ripercorre la catastrofe attraverso 13 anziani che hanno vissuto in prima persona il terribile evento del 26 aprile 1986.

I protagonisti, evacuati in seguito all’esplosione, ritornano nelle proprie abitazioni e in quello che è ormai diventato un paesaggio triste e desolato.

Testimoni di una vera e propria catastrofe, sia in termini di vite umane che di terribili conseguenze ambientali, i 13 anziani riportano le proprie difficoltà a sopravvivere in un’area in cui sussiste tutt’oggi un preoccupante livello di radioattività.

Chernobyl – la miniserie

Anno di produzione: 2018
Regia di Johan Renck
Con: Jared Harris, Stellan Skarsgard, Emily Watson

Concludiamo il nostro post con una miniserie televisiva, intitolata semplicemente ‘Chernobyl’, la cui trasmissione, sul canale Sky Atlantic, è prevista nel 2019.

Nata dalla collaborazione tra Sky e HBO la produzione, pur non essendo ancora uscita in tv, ha già fatto parlare molto di sé.

Stando alle anticipazioni emerse nel corso della presentazione dei palinsesti Sky la miniserie sarà composta da 5 episodi e tratterà la vera storia dell’esplosione e delle persone che furono coinvolte nel disastro.

Tra i protagonisti ci saranno uno scienziato, incaricato dal Cremlino di indagare sull’evento, un politico, che si occuperà di guidare la commissione governativa sul caso, e un fisico nucleare, incaricato di analizzare le cause dell’incidente.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali