informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Esame universitario scritto: come funziona e come prepararsi al meglio

Commenti disabilitati su Esame universitario scritto: come funziona e come prepararsi al meglio Studiare a Bolzano

Si avvicina il tuo primo esame universitario scritto e sei preoccupato perchè non sai come affrontarlo per ottenere un buon risultato?

Partiamo da una premessa ovvia e banale: per superare una prova devi studiare, studiare e ancora studiare …!

Per quanto gli scritti siano considerati meno complicati degli orali, principalmente per la mancanza della componente emotiva/ansiogena che deriva dal confronto vis a vis con il docente, essi richiedono comunque un’adeguata e approfondita preparazione.

Qualunque sia la facoltà che hai scelto di frequentare, esistono alcuni accorgimenti pratici, universalmente validi per tutte le prove scritte, che consentono di affrontare l’esame con il giusto approccio.

In questo post l’Univeristà Telematica Niccolò Cusano di Bolzano ha raccolto una serie di suggerimenti e dritte che consentono di sviluppare un metodo estremamente efficace per superare i test scritti, siano essi afferenti ai corsi di Economia, Giurisprudenza o Lettere.

Come superare un esame scritto all’università

Prima di addentrarci nell’ambito dei consigli e delle linee guida è d’obbligo evidenziare il presupposto fondamentale affinchè i suggerimenti risultino efficaci: prima di adottare qualsiasi tipologia di metodo è fondamentale conoscere a fondo le modalità di svolgimento della prova.

É importante conoscere gli strumenti consentiti (dizionari, calcolatrici ecc.), il tempo a disposizione per completare il test, le modalità di valutazione e tutte le indicazioni/regole definite dal docente affinchè l’esame si svolga correttamente.

Terminata la premessa entriamo nel vivo del nostro post e cerchiamo di capire qual è l’atteggiamento vincente per superare un esame all’università.

Pianificazione dello studio

Dal momento in cui la prenotazione del tuo esame risulta formalizzata parte il famoso count down fino alla fatidica data.
Piuttosto che considerare lo scorrere del tempo come un motivo per far crescere ansia e agitazione ti suggeriamo di metterti seriamente al lavoro per affrontare la prova con il giusto approccio.

Cosa significa avere un giusto approccio te lo spieghiamo subito.

Significa innanzitutto organizzarsi, ovvero calcolare i giorni che mancano all’esame al fine di suddividere il materiale di studio per il tempo a disposizione.

La metodologia risulta efficace ai fini di una preparazione completa e permette allo stesso tempo di non arrivare agli sgoccioli con centinaia di pagine da leggere e assimilare.

Pianificazione e gestione del tempo della prova

Restiamo in tema di pianificazione che, nello studio come nella vita in generale, è sempre una strategia efficace per affrontare e gestire le situazioni.

Questa volta però la programmazione riguarda il tempo della prova.

Iniziare a rispondere senza un minimo di regolamentazione temporale significa rischiare di dilungarsi troppo su alcuni quesiti, magari su quelli più complessi, e non avere il tempo per completare il test.

Il suggerimento per evitare l’ansia dei minuti che scorrono è il seguente: organizzare il tempo a disposizione suddividendolo per il numero delle domande.

Panoramica delle domande

‘La fretta è cattiva consigliera’, ‘La fretta genera l’errore in ogni cosa’, ‘Chi ha fretta ha disdetta’ …

Apriamo il paragrafo con qualche detto famoso per introdurre un argomento piuttosto delicato, sul quale ci sarebbe molto da dire ma che in questa sede tratteremo in maniera marginale, riferendoci esclusivamente alla correlazione che ha con le prove universitarie.

Iniziare a rispondere alle domande seguendo l’ordine numerico proposto dal professore, e senza aver prima preso confidenza con il test in generale, non è il migliore dei modi per affrontare un esame.

Leggere tutte le domande prima di iniziare a rispondere è una strategia vincente per vari motivi; innanzitutto perchè consente di avere una panoramica generale della tipologia di test e del grado di difficoltà, ma soprattutto perchè la prelettura permette di individuare i quesiti sui quali ci si sente più ferrati, e dai quali partire.

Un altro importante vantaggio, spesso sottovalutato o poco considerato, è inerente alla possibilità di carpire dalle domande presenti nel test spunti di risposta per quesiti precedenti o successivi.

Criteri di assegnazione del punteggio

Nell’ambito della panoramica delle domande rientra un altro importante aspetto che si relaziona con il punteggio finale.

Come per qualunque altra tipologia di esame universitario la valutazione parte da un minimo di 18 per arrivare a un massimo di 30, eventualmente con lode.

Trattandosi di una prova scritta nella quale sono presenti più quesiti il docente assegna un punteggio ad ogni domanda seguendo criteri ben precisi.

É quindi fondamentale comprendere i criteri che il prof adotterà per valutare ogni risposta.
Si tratta di capire quanti punti sono previsti per ogni risposta corretta, se eventualmente sono previsti punteggi maggiori per determinate tipologie di quesiti oppure se è previsto uno standard uguale per tutte quelle giuste.

Altrettanto importante comprendere come funziona la valutazione delle risposte sbagliate, in quanto talvolta può risultare più conveniente non rispondere che rispondere in maniera errata; alcuni test considerano gli errori nulli, altri invece sottraggono punteggi e influiscono negativamente sul totale.

Conoscere in anticipo tali informazioni può cambiare l’eisto dell’esame.

esame scritto all'università

Esame scritto con risposte multiple chiuse

Passiamo ora ad analizzare qualche dritta utile per affrontare i classici test.

Si tratta di una tipologia di prova che per ogni domanda fornisce più opzioni di risposta, per cui risulta, per caratteristiche strutturali e per peculiarità di svolgimento, meno complessa delle altre.

É piuttosto evidente che per far sì che il suggerimento risulti valido bisogna leggere attentamente la domanda e le relative risposte; bisogna prestare attenzione a piccoli dettagli che possono cambiare totalmente il senso del quesito, o della risposta.

Un ‘non’, un ‘mai’, un ‘sempre’, possono fare la differenza tra un’opzione giusta e una sbagliata; e chiaramente possono fare la differenza anche nel punteggio finale.

Esame scritto con risposte aperte

Il primo suggerimento per affrontare con il giusto approccio un esame con risposte aperte è leggere attentamente, e comprendere, le istruzioni del docente; in tal senso è particolarmente importante leggere più volte la domanda per evitare di dare risposte fuori tema.

È fondamentale capire cosa intende sapere esattamente il docente.

Così come per le domande a risposta multipla è preferibile partire dai quesiti in merito ai quali ci si sente più preparati; la strategia, oltre a consentire una maggiore concentrazione di tempo ed energie su quelli più complicati, permette di tenere lontano il sopraggiungere dell’ansia.
Attenzione però a non farsi prendere dal sentimento opposto, l’enfasi. Il rischio è di strafare, e di dilungarsi troppo sia a livello temporale che contenutistico.

In linea generale è preferibile elaborare risposte precise e concise, che vadano subito al dunque senza troppi giri di parole. Se pensi possa essere d’aiuto alla tua organizzazione mentale prova a redigere una breve scaletta con i punti chiave da trattare.

Come ultimo step ricordati di rileggere la risposta per verificare che il testo abbia un filo logico.

Se nonostante l’enorme sforzo mnemonico proprio non riesci a ricordare una particolare informazione o un concetto, la soluzione migliore è evitare di rispondere; è preferibile tralasciare completamente la domanda piuttosto che scrivere assurdità e corbellerie varie.

Rilettura delle risposte

L’ultimo passaggio prima della consegna consiste nella rilettura delle domande e delle risposte; il passaggio, per quanto banale e scontato, serve a ad individuare imprecisioni e a correggere eventuali incongruenze.

Altri suggerimenti

Concludiamo il post sui suggerimenti per affrontare nel modo giusto un esame universitario scritto con una carrellata di dritte generali, sintetizzate nei punti del seguente elenco:

  • Cerca di non agitarti se dalla pre-lettura ti sembra di non conoscere le risposte ad alcuni quesiti.
  • Inizia a rispondere alle domande che assegnano un punteggio maggiore, se presenti.
  • Ascolta con attenzione le eventuali domande poste dai colleghi al docente in merito alle modalità
    di svolgimento della prova
  • Se ti accorgi di aver sbagliato a mettere una crocetta chiedi al docente quali sono le modalità
    per la correzione.

Non ci resta che augurarti ‘in bocca al lupo!’.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali