informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali sono le domande di procedura penale più frequenti?

Commenti disabilitati su Quali sono le domande di procedura penale più frequenti? Studiare a Bolzano

Se stai preparando l’esame di diritto penale e vuoi acquisire maggiore sicurezza per affrontare e superare la prova, ti suggeriamo di iniziare a familiarizzare con quelle che sono le domande di procedura penale più ricorrenti.

Consapevole dell’impegno necessario per portare a termine un corso di laurea in Giurisprudenza e dell’imprescindibile necessità di acquisire basi solide per poter intraprendere l’iter concorsuale/burocratico per conseguire l’abilitazione alle professioni legali, l’università telematica Niccolò Cusano di Bolzano ha deciso di realizzare una breve guida alla preparazione ottimale dell’esame di procedura penale.

Che cos’è un procedimento penale

Prima di addentrarci nell’ambito delle domande più ricorrenti in un esame di procedura penale è d’obbligo fare una brevissima premessa per introdurre l’argomento e familiarizzare con la materia.

Per procedimento penale si intende la successione degli atti, avviati dall’autorità giudiziaria, che parte dall’iscrizione della notizia di reato ed arriva alla pronuncia di un provvedimento conclusivo ad opera di un giudice.

Si tratta quindi di un percorso composto da diverse tappe: le indagini preliminari, il dibattimento, la fase decisoria e l’appello.

Procedura penale: le domande più frequenti

Con l’intento di fornire agli studenti, prossimi ad affrontare l’esame di procedura penale, un supporto allo studio, l’università telematica Niccolò Cusano ha individuato e raccolto nel seguente elenco le domande più ricorrenti.

Per ogni quesito è disponibile una breve risposta, ovvero una sintesi che rappresenta lo spunto dal quale partire per approfondire l’argomento.

Scopriamoli insieme.

esame diritto penale
  • Quali sono le forme dei provvedimenti di un giudice?
    Le forme di provvedimento di un giudice sono tre: la sentenza, l’ordinanza e il decreto
  • Che cos’è una sentenza?
    La sentenza è un atto attraverso il quale un giudice esaurisce una fase o un grado del processo
  • Che cos’è un’ordinanza?
    L’ordinanza è un provvedimento, emesso dopo lo svolgimento del contradditorio tra le parti, attraverso il quale un giudice risolve questioni processuali senza definire un procedimento.
  • Che cos’è un decreto?
    Il decreto è un provvedimento del giudice, il più semplice rispetto all’ordinanza e alla sentenza, che svolge funzione ordinatoria; viene pronunciato d’ufficio o su istanza di parti.
    Di regola non è impugnabile ed è revocabile da parte del giudice che lo ha emesso.
  • Che cos’è un incidente probatorio?
    L’incidente probatorio è un istituto procedurale, che rientra nella fase investigativa o nell’udienza preliminare, il cui obiettivo è assumere mezzi di prova che non possono essere acquisiti durante l’istruttoria dibattimentale (fase del processo appositamente dedicata all’acquisizione delle prove).
    La richiesta al giudice di un’acquizione immediata di un mezzo di prova (testimonianza, esame, perizia, ricognizione, confronto, esperimento giudiziale) viene effettuata ogni volte che sussiste il rischio che il mezzo stesso non possa essere assunto in fase di dibattimento, o che l’eventuale attesa possa compromettere la genuinità della prova stessa.
  • Da chi può essere effettuata la richiesta di incidente probatorio?
    La richiesta può essere inoltrata dalla persona sottoposta alle indagini oppure dal PM.
  • Cosa sono e quali sono gli strumenti di prova?
    Gli strumenti di prova sono mezzi processuali attraverso i quali vengono acquisite le prove.
    Sono identificabili nella testimonianza, nell’esame delle parti, nel confronto, nella ricognizione, nell’esperimento giudiziale, nella perizia e nei documenti.
  • Che cos’è la querela?
    La querela è una dichiarazione attraverso la quale viene manifestata la volontà che si proceda in ordine a un fatto identificato dalla legge come reato.
  • Chi decide sul conflitto di giurisdizione?
    Sul conflitto di giurisdizione decide la Corte di Cassazione.
  • Chi dirige le indagini preliminari?
    Le indagini preliminari sono dirette dal Pubblico Ministero.
  • Che cos’è l’appello incidentale?
    L’appello incidentale è un istituto del diritto processuale che consiste in un’impugnazione da parte dell’appellato (chi non ha proposto impugnazione), da effettuare entro 15 giorni dalla comunicazione dell’impugnazione principale.
  • Quando insorge il conflitto di competenza?
    Il conflitto di competenza insorge quando due o più giudici ordinari prendono contemporaneamente, o rifiutano di prendere, cognizione della medesima questione attribuita alla stessa persona.
  • Che cos’è il giudizio abbreviato?
    Il giudizio abbreviato, o rito abbreviato, è un procedimento caratterizzato dall’assenza di fase dibattimentale; la definizione del giudizio in merito alla colpevolezza o innocenza dell’imputato avviene in sede di udienza preliminare.
  • Da chi può essere formulata la richiesta di giudizio abbreviato?
    La richiesta di giudizio abbreviato può essere formulata dallo stesso imputato.
  • Qual è la differenza tra prova e indizio?
    La prova dimostra un fatto rilevante ai fini dell’imputazione mentre l’indizio è una presunzione, ovvero un ragionamento dal quale è possibile dedurre elementi importanti ai fini della colpevolezza o dell’innocenza dell’imputato.
  • Come sono classificati gli indizi?
    Gli indizi possono essere di tre tipi: gravi, quando resistono alle obiezioni; precisi, quando non sono suscettibili di diverse interpretazioni; concordanti, quando più indizi convergono verso la medesima conclusione.

Ora che hai una panoramica più chiara della tipologia di domande di procedura penale che potrebbero capitarti nel corso di un esame non devi fare altro che iniziare ad approfondire le risposte e gli spunti che ti abbiamo suggerito in questo post.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali