informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come imparare a studiare: trucchi e consigli

Commenti disabilitati su Come imparare a studiare: trucchi e consigli Studiare a Bolzano

Se stai per iniziare un percorso di studi universitario, o se sei già uno studente alla prese con esami orali e prove scritte, questo articolo fa proprio al caso tuo: ti spiegheremo come imparare a studiare e ti indicheremo qualche strategia utile per avere buoni risultati senza impazzire.

Probabilmente il primo impulso nel momento stesso in cui finalizzi la prenotazione di un esame è quello di riversarti sui libri e iniziare a leggere e rileggere per memorizzare quanti più concetti possibili in poco tempo.

Frenaaaa!!! Respira e continua a leggere questo post…

Per studiare bene all’università bisogna utilizzare un approccio allo studio totalmente differente da quello del liceo.
Ogni percorso universitario prevede, per il conseguimento della laurea, un numero preciso di esami da sostenere e di crediti formativi da acquisire.
Lo studente deve quindi impegnarsi per preparare al meglio le prove.

Mentre alle scuole superiori i tempi erano dettati dagli insegnanti, che stabilivano i tempi e la quantità di argomenti da assimilare, all’università la gestione dell’apprendimento è a totale carico dello studente.

Bella scoperta, starai pensando; ma sai cosa significa tutto ciò?

Che all’università sei tu a decidere come studiare: per quanto tempo, attraverso quali metodi e quali argomenti affrontare ogni giorno.
Per riuscirci devi trasformarti in un abile stratega e predisporre un piano di azione efficace.

In altre parole per affrontare un corso di laurea in maniera proficua devi essere in grado di organizzarti con un metodo di studio perfettamente allineato a quelle che sono le tue capacità, le tue esigenze ma soprattutto i tuoi obiettivi.

Panoramica della materia

Prima di avventarti sul testo e iniziare a leggere e sottolineare dalla prima pagina dovresti prendere confidenza con la materia; a meno che non hai già dato quello stesso esame con esito negativo e quindi sai già piuttosto bene di cosa si tratta.

Partiamo dal presupposto che è la prima volta che ti approcci a un libro di testo.

A parte sapere ad esempio che si tratta di diritto del lavoro, di economia e gestione delle imprese o di fluidodinamica, sai esattamente quali sono gli argomenti affrontati? Sai da quanti capitoli è composto? Hai idea di quanto sia complesso oggettivamente e quanto invece lo sia per le tue attitudini di apprendimento?

Sicuramente non lo sai per cui inizia a dare una risposta ad ognuna delle suddette domande.

Per farlo in maniera più o meno dettagliata e precisa il consiglio è di familiarizzare con la materia: parti dalla lettura dell’indice che attraverso il titolo di ogni capitolo ti fornisce una prima idea del lavoro da affrontare, sia a livello di tempo che di impegno.

Tabella di marcia

Tutti i metodi per studiare partono da un elemento comune: la tabella di marcia.

Una volta stabilita la quantità e la tipologia di argomenti da assimilare bisogna procedere con la redazione di una sorta di planning, che scandisca i ritmi di studio, giorno per giorno.

Per quanto possa sembrare un passaggio scontato e banale bisogna prestare molta attenzione; dovrai essere in grado di diluire nel tempo disponibile fino al giorno dell’esame il materiale da studiare, sempre tenendo conto delle proprie capacità ed esigenze.

Parte dell’efficacia di una metodologia dipende proprio dalla tabella di marcia e dalla capacità dello studente di rispettarla.

Principio di Pareto

metodi per studiare

Per ottimizzare tempo e risorse nello studio può risultare utile applicare il principio di Pareto.

Secondo l’economista italiano vissuto nel XIX secolo “il 20% delle cause produce l’80% dei risultati”.

Tale principio applicato allo studio può essere così interpretato: per ottenere l’80% di un obiettivo (ad esempio un 30 all’esame) bisogna focalizzarsi sul 20% degli argomenti.
L’80% di 30 è 24 che nel nostro caso è il voto medio che potremmo ottenere.

Per sfruttare al meglio la regola dell’80/20 è consigliabile utilizzare la cosiddetta ‘piramide dello studio’.

Scopriamo di cosa si tratta…

Ogni testo si basa su una struttura che richiama le famose piramidi dell’antico Egitto, e che immagineremo suddivise in quattro fasce orizzontali:

  1. Concetti chiave: costituiscono la punta della piramide.
    Sono solitamente pochi ma rappresentano le informazioni più importanti da assimilare.
  2. Concetti secondari: nella seconda sezione della piramide figurano quelle informazioni che approfondiscono e aiutano a comprendere meglio i concetti chiave.
  3. Informazioni di contorno: si tratta generalmente di esempi o case study la cui finalità è fissare meglio i concetti primari e secondari.
  4. Rumori di fondo: sono posizionati all’ultimo gradino della piramide dello studio per cui non rappresentano informazioni essenziali ma solitamente giri di parole e ripetizioni.

Per utilizzare correttamente la piramide, e conseguentemente anche il principio di Pareto, nello studio bisogna essere in grado di individuare i concetti chiave e quelli secondari.
Per individuarli può risultare utile leggere i titoli dei capitoli, il primo e l’ultimo paragrafo del libro.

Successivamente, per agevolare la memorizzazione e il ripasso, è consigliabile procedere con la stesura delle mappe concettuali, alleate infallibili per chi desidera studiare velocemente e bene.

Consigli utili

Come già ti abbiamo anticipato all’inizio dell’articolo, ogni individuo deve predisporre un programma di apprendimento adatto alle proprie capacità.

Intestardirsi su una metodologia che non porta buoni risultati non è una scelta felice; se non funziona significa che non è adatta a te e che probabilmente devi cambiare e rivedere qualche dettaglio.

Per evitare di perdere tempo ti consigliamo di effettuare un test del metodo di studio che utilizzi: puoi farlo in maniera autonoma, monitorando risultati, carenze ed eventuali punti deboli, oppure affidandoti a uno dei numerosi test che trovi sul web.

Di seguito qualche consiglio generale, non propriamente didattico, che ti aiuterà a rendere efficace il tuo metodo di studio universitario, a prescindere da quale esso sia.

Anticipo

Giocare d’anticipo è quasi sempre una mossa vincente, anche se non sempre è possibile.

Cerca di terminare la preparazione dell’esame con almeno una settimana di anticipo rispetto al giorno in cui è prevista la prova. Se proprio non riesci, anche due o tre giorni possono andare bene.

Tale margine ti consentirà di beneficiare di almeno due vantaggi.

Il primo è chiaramente quello di avere qualche giorno per riprendere e ripassare i concetti più complessi, al fine di imprimerli ancora meglio nella memoria.

Il secondo riguarda la possibilità di ricaricare le energie spese e di scaricare lo stress accumulato, così da arrivare al fatidico giorno con la giusta serenità.

Distrazioni

Sappiamo tutti che la principale fonte di distrazione quando si studia è rappresentata dallo smartphone; notifiche, messaggini e quell’irrefrenabile desiderio di sapere quanti like ha ottenuto quella foto postata su Facebook sono i nemici peggiori della concentrazione.

L’ideale sarebbe lasciare i dispositivi mobile in una stanza diversa da quella nella quale studi, ma se proprio ti senti perso e angosciato al pensiero di non averli al tuo fianco cerca almeno di abbassare la suoneria e di tenerli capovolti sul tavolo.

E’ ovvio che se frequenti un corso di laurea online non puoi fare a meno del pc. In tal caso, prima di iniziare a studiare, ricordati di effettuare il log out da Facebook.

Motivazione e obiettivi

Eccoci all’ultimo consiglio, che forse è anche quello più importante.

Per rendere il tuo metodo di studio efficace, e per far sì che strategie, tecniche e consigli funzionino davvero e portino i loro frutti è necessario che il tuo impegno risulti costante.

Sappiamo che in alcuni momenti può risultare complicato e per questo ti consigliamo di tenere sempre ben presente la motivazione che ti spinge a laurearti e l’obiettivo che intendi raggiungere al conseguimento dell’ambito titolo.

Ora che ti abbiamo spiegato come imparare a studiare e come migliorare il tuo metodo di apprendimento non ti resta che mettere in pratica i nostri consigli  e iniziare ad apprezzarne i benefici.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali