informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa vedere a Bolzano: le attrazioni da non perdere

Commenti disabilitati su Cosa vedere a Bolzano: le attrazioni da non perdere Studiare a Bolzano

Alla domanda cosa vedere a Bolzano ti rispondiamo con un semplice: tutto!

Ebbene si, per quanto scontata la risposta rende perfettamente l’idea di una città stupenda, particolare e interessante sotto tutti i punti di vista.

Il  fascino del capoluogo altoatesino scaturisce in gran parte dal suo passato, e dal singolare contrasto reso dall’incontro della cultura Mediterranea e di quella dell’Europa Centrale.

Chiese, musei, palazzi e castelli; l’appeal delle Dolomiti; locali e ristoranti tipici nei quali gustare le specialità provenienti da un’antica tradizione gastronomica; un ricco e variegato programma di intrattenimento, nell’ambito del quale i famosissimi mercatini di Natale, rendono la meta ideale per trascorrere un soggiorno indimenticabile in Alto Adige.

Eccoti di seguito una piccola guida nella quale ti indicheremo cosa vedere a Bolzano e le attrazioni devi assolutamente includere nel tuo itinerario turistico.

Centro storico

Per chi desidera visitare Bolzano in un giorno l’itinerario non può che partire dal centro storico.

Tra vicoli e piazze, palazzi storici e chiese, colorati mercati e negozi esclusivi: l’atmosfera che si respira passeggiando in centro è quella tipica altoatesina.

Piazza Walther

Il punto di partenza per visitare il centro della città è Piazza Walther denominata e considerata il ‘salotto buono della città’.

Realizzata nel 1808 ha cambiato più volte nome nel corso degli anni.
Da Maximilianplatz, in onore di re  Massimiliano di Baviera che ne volle la realizzazione, è passata a Johannsplatz per poi essere dedicata al poeta Vogelweide, a Re Vittorio Emanuele III (dopo l’annessione dell’Alto Adige all’Italia) e alla Madonna.

Oggi la Piazza porta il nome del poeta tedesco Walther von der Vogelweide, uno dei maggiori poeti tedeschi del Medioevo.

Al centro della Piazza troneggia la statua dedicata al poeta, ‘il Walther’ così chiamata amichevolmente dai bolzanini.

L’elegante area ospita numerose manifestazioni ed eventi tra i quali l’ormai storica Festa dei Fiori, in programma a fine Aprile, e i tradizionali Mercatini di Natale, che a Bolzano rispecchiano in maniera eccellente la tradizione natalizia altoatesina.

Duomo

Su Piazza Walther troneggia l’edificio religioso più importante di Bolzano: il Duomo.

La costruzione è stata completata nel 1420 anche se in realtà il Duomo vanta origini molto più antiche. Con la sua particolare e preziosa copertura verde e oro l’edificio sorge sulle vestigia di tre basiliche: una paleocristiana (IV secolo d.C.), una altomedievale (VIII secolo d.C.) e una romanica (XI secolo d.C.).

Oggi rappresenta un esempio di stile tardo gotico.

Accanto al Duomo svetta la torre del campanile, aggiunta nel 1517, che dall’alto dei suoi 65 metri ogni sabato e domenica allieta l’atmosfera della piazza con le melodie eseguite attraverso 25 campane.

L’interno è composto da tre navate della stessa altezza, nell’ambito delle quali meritano attenzione il pulpito gotico, l’altare barocco e la cappella delle Grazie.

Particolare e degna di nota la Porticina del Vino, decorata con ornamenti scultorei, la cui denominazione è legata ad un antico privilegio secondo il quale i vignaioli erano, qui, autorizzati a vendere il vino.

Piazza delle Erbe

Una dei posti più suggestivi del centro di Bolzano, che merita una sosta, è Piazza delle Erbe.

Al centro della pizza la monumentale Fontana di Nettuno classificatasi tra le 100 fontane più belle d’Italia.
L’opera, realizzata in marmo e bronzo, raffigura il dio del mare con il suo inseparabile tridente, ai piedi del quale tre delfini; alla base della statua tre grossi gusci di conchiglie.

La Fontana del Nettuno è chiamata simpaticamente dai bolzanini Gabelwirt che tradotto significa ‘l’oste con la forchetta’.

All’angolo della Piazza che incrocia con via Museo una targa ricorda il luogo in cui sorgeva l’antico albergo Al Sole che, verso la fine del 1700, ha avuto l’onore di ospitare personaggi come Johann Wolfgang Goethe, il filosofo Herder, Wolfgang Amadeus Mozart e l’Imperatore Giuseppe II.

Durante la settimana Piazza delle Erbe accoglie il tradizionale e colorato mercato che propone frutta fresca, verdure, fiori, formaggi, pane e salumi.

I portici

Una passeggiata nel centro di Bolzano non può non includere un giro in quello che è considerato il cuore dello shopping, ovvero la zona dei Portici.
Si tratta di una delle vie più antiche della città, un vicolo pedonale frequentatissimo fin dal Medioevo che ancora oggi conserva la sua vocazione di borgo commerciale.

La caratteristica della strada è la movimentata sequenza di tratti architettonici, completamente differenti tra loro, e il susseguirsi ininterrotto di negozi, che alternano eleganti boutique a negozietti di prodotti tipici.

Piazza Municipio

Alla fine della strada con i caratteristici Portici si apre Piazza Municipio, incorniciata dai palazzi del Municipio, in stile barocco, e da casa Amonn, dai caratteristici stucchi in stile rococò.

La piazza accoglie spesso eventi e manifestazioni.

Via Bottai

Da piazza Municipio vale la pena affacciarsi in via Bottai, una delle vie tipiche del centro, con le sue caratteristiche insegne in ferro battuto e le storiche locande, perfette per chi desidera fermarsi a mangiare a Bolzano.

I castelli di Bolzano

visitare Bolzano

Il territorio altoatesino è noto a tutti per la sua ricchezza di castelli e fortificazioni; tra ruderi e costruzioni perfettamente conservate se ne contano circa 400.

Per conoscere a fondo la storia di Bolzano è d’obbligo inserire nell’itinerario alcuni dei castelli che meglio ne rappresentano e raccontano il passato.

Castel Roncolo, il maniero illustrato

A nord della città, all’imbocco della Val Sarentina, si erge su uno spuntone di roccia Castel Roncolo, raggiungibile a piedi, attraverso la passeggiata del Lungo Talvera, oppure in bicicletta sul percorso della pista ciclabile.

Costruito del 1237, in una posizione suggestiva e pittoresca, l’edificio è stato più volte ampliato e ristrutturato.

Le sale del castello diventano spesso sede di mostre e manifestazioni culturali.

Castel Mareccio, mura antiche nel vigneto

Sito a ridosso del centro storico cittadino, immerso in un vigneto di pregiate uve Lagrein, con un incantevole vista sul Catinaccio-Rosengarten, il castello del XIII secolo è stato ristrutturato negli anni Ottanta e adibito a centro congressuale.

E’ sicuramente una delle strutture più interessanti ed esclusive per ospitare convegni, seminari, banchetti, concerti, serate culturali e mostre.

Le sue sale impreziosite da affreschi dispongono di un’attrezzatura congressuale moderna e funzionale.

Particolarmente suggestiva la veduta del castello dall’attigua passeggiata Lungo Talvera.

Castel Firmiano

Al margine sud-occidentale di Bolzano, su un’altura di roccia porfirica, si erge Castel Firmiano, uno dei più antichi esempi di architettura difensiva del territorio.

La sua proprietà è passata di famiglia in famiglia fino a quando, nella seconda metà del Quattrocento, il Duca Sigismondo il Danaroso, conte di Tirolo, lo trasforma nel suo più prestigioso maniero: il Sigmundskron (corona di Sigismondo).

Nel 2006 lo scalatore Reinhold Messner inaugura  il quarto museo del concetto MMM (Messner Mountain Museum) dedicato alle montagne.

Il cuore del percorso museale si sviluppa tra le antiche mura; la visita si snoda tra le torri, le sale e i cortili della rocca, attraverso opere, cimeli e reperti naturali che raccontano la storia della montagna e del suo legame con l’uomo.

Bolzano e dintorni

Tra le mete di Bolzano ideali per una gita fuori-porta il Colle è una validissima possibilità.

Dal centro storico della città, in auto o con i mezzi pubblici, si raggiunge agevolmente la funivia più antica del mondo, inaugurata nel 1908 grazie ad un albergatore altoatesino che desiderava portare i suoi ospiti nel suo hotel a 1134 metri di quota.

Il Colle, raggiungibile con l’insolito mezzo di trasporto, è un luogo suggestivo e tranquillo che offre la possibilità di trascorrere la giornata tra differenti attività: un trekking sui sentieri di montagna, una passeggiate nei boschi, una visita all’antico Maso Uhl o semplicemente un pranzo in relax, in uno dei ristoranti, bar e chioschetti, immersi nella quiete dell’altura.

Qualunque sia il modo in cui hai scelto di trascorrere il tuo tempo sul Colle non puoi assolutamente perdere la vista sulle cime e i ghiacciai delle Dolomiti dalla torre panoramica, nei pressi della stazione della funivia.

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003

"Codice in materia di protezione dei dati personali" 

Tenuto conto dell'obbligo di informativa nei confronti degli interessati in relazione al trattamento dei dati personali degli studenti, l'Unicusano Università  Telematica Roma, con sede in Roma, in Via Don Carlo Gnocchi 3, in qualità  di titolare del trattamento dei dati Le fornisce le seguenti informazioni:

  1. I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, numero di telefono), raccolti attraverso la compilazione del form o al momento dell'immatricolazione, i dati connessi alla carriera universitaria e comunque prodotti dall'Università Telematica nell'ambito dello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, saranno raccolti e trattati, nel rispetto delle norme di legge, di regolamento e di principi di correttezza e tutela della Sua riservatezza, per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali dell'Università , in particolare per tutti gli adempimenti connessi alla piena attuazione del rapporto didattico ed amministrativo con l'Università ;
  2. Il trattamento sarà  effettuato anche con l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e può consistere in qualunque operazione o complesso di operazioni tra quelle indicate all'art. 1, comma 2, lettera b) della legge (per trattamento si intende "qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di mezzi elettronici, o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione dei dati");
  3. I dati personali saranno inoltre comunicati e diffusi dall'Università  attraverso i propri uffici - sia durante la carriera universitaria dell'interessato che dopo la laurea - a soggetti, enti ed associazioni esterni, per iniziative di orientamento lavoro (stage) e per attività  di formazione post-laurea;
  4. I dati personali potranno essere comunicati ad altri soggetti pubblici quando la comunicazione risulti comunque necessaria per lo svolgimento delle funzioni istituzionali dell'Università  richieste dall'interessato, quali, ad esempio, organi pubblici preposti alla gestione di contributi per ricerca e borse di studio;
  5. Informazioni relative ai laureati, ovvero nominativo, data di nascita, indirizzo, numero di telefono, titolo della tesi e voto di laurea, saranno immesse sulla rete per consentire la diffusione dei dati nell'ambito di iniziative di orientamento di lavoro e attività  di formazione post-laurea.
  6. Per disattivare le future comunicazioni dirette con UNICUSANO o richiedere la cancellazione dei dati personali raccolti può rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma o inviare una mail con la richiesta di cancellazione all'indirizzo informazioni@unicusano.it. Nei confronti dell'UNICUSANO Università Telematica Roma, Lei potrà  esercitare i diritti previsti dall' art. 7 del Decreto Legislativo n.196/2003, rivolgendosi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma.